Chi sono

La guida alpina

Ciao! Fin da bambino sono stato scorrazzato per le montagne di tutto il  Friuli (e non solo) dai miei genitori.  Lunghe camminata e piccole escursioni sulla roccia hanno sempre  fatto parte del mio tempo libero, rubato allo studio e alla scuola. Dopo essermi cimentato in innumerevoli sport come il calcio (ovviamente), la pallavolo, il tennis, la palla tamburello e il judo, approdai infine al Rugby.

 

 

 

 

Durante gli anni del liceo scientifico mi dedicai per anni a questo nobile sport, duro nel gioco quanto dolce nei rapporti con le persone. Imparai la disciplina e il lavoro duro per raggiungere i propri scopi, così alla fine della quinta superiore arrivai al professionismo.

 

Fu un anno impegnativo, sia perché iniziai il corso di Scienze Forestali presso l’Università di Padova, sia perché l’impegno era ovviamente molto più elevato rispetto alle giovanili. Mi impegnai molto, ma l’evidente passione per la montagna che avevo sempre coltivato durante tutta la vita non poteva più rimanere in secondo piano. Complice anche il mio spirito libero, decisi di lasciare questo splendido sport per dedicarmi a qualcosa di più completo, sia a livello mentale che fisico: uno stile di vita, l’alpinismo.

 

Mentre i miei studi “forestali” continuavano, trovai un bell’ambiente di eccezionali arrampicatori a Padova, nella palestra dell’Intellighenzia. Grazie agli insegnamenti derivati dai vari sport iniziai con un pò di autodisciplina ad allenarmi  costantemente. Con mio cugino, il mio primo compagno di cordata, scorrazzammo un pò per il Friuli compiendo tante ascensioni classiche. Mi ricordo ancora quando, pur di andare a scalare in falesia, non esitavo a prendere lo scooter e andare da Udine ad Andreis dove lui mi raggiungeva in bicicletta da Aviano. Da qui in poi, complice anche l’università che lascia tanto tempo libero, fu e lo è tuttora un susseguirsi di salite su roccia e ghiaccio, discese con gli sci e lo snowboard.

Così dopo aver ripetuto tante salite classiche e moderne del Friuli mi dedicai alle Dolomiti e ad aprire qualche nuovo itinerario. Tutte queste salite mi riempivano, mi appagavano, tanto che a fine febbraio 2011 riuscii ad imboccare la strada che avevo sempre sognato, passando le selezioni per l’ammissione ai corsi di Guida Alpina.

Dal 2012 sono ufficialmente Guida Alpina, e ho la possibilità e la fortuna di poter condividere la mia passione per professione. Grazie alla mia esperienza e passione maturata lavorando con i centri estivi e negli scout, ho la possibilità di prendermi cura dei più piccoli in modo  sicuro, senza tralasciare l'aspetto educativo.

Collaboro con molte realtà diverse sparse per tutta Italia, dalle dolomiti al Monterosa fino in Sicilia!

Dal 2013 mi diedico anche alla slackline ma soprattutto all'highline in montagna. Unendo cime con fettucce do spazio a nuove prospettive. Pratico lo speedfly e lo speedride unendo la passione per il volo con le montagne e l'arrampicata. Infine dal 2014 mi impegno maggiormente nel salto B.A.S.E. con e senza la tuta alare. 

La Guida Alpina e Maestro di Alpinismo, è l’unica figura professionale riconosciuta dalla legge in Italia, autorizzata e preparata per accompagnare sotto compenso le persone nelle varie attività alpinistiche. 

 

La Guida è quindi un professionista esperto e capace, che grazie alla sua preparazione ed esperienza, accompagna con la massima sicurezza possibile le persone in montagna. Inoltre effettua corsi di formazione per imparare a muoversi in sicurezza nell’ambiente montano nelle varie discipline con le quali si può affrontare.

 

Ruolo della Guida Alpina è accompagnare e far conoscere la montagna nei suoi molteplici aspetti. La relazione profonda e consapevole con l’ambiente è il valore primario trasmesso dalle Guide Alpine a chi desidera avvicinarsi alla montagna nel modo più corretto e sereno.

La Guida Alpina opera in tutte le attività legate all’alpinismo, quindi è presente in ogni stagione sul territorio montano. 

 

L’esperienza e la familiarità con l’ambiente alpino che questo comporta rappresentano il grande valore  che la Guida Alpina è in grado di trasmettere, al di là degli aspetti tecnici, parimenti importanti. La presenza delle Guide in montagna rappresenta inoltre un costante monitoraggio che limita i danni ambientali e favorisce il maggior grado di sicurezza possibile nella relazione con l’ambiente.

 

La Guida Alpina trasmette conoscenze tecniche, parametri di comportamento, orientamento e sensibilizza alla lettura profonda dell’ambiente, requisito primario di fruizione della montagna anche in termini di sicurezza. Nel bagaglio formativo della Guida Alpina vi sono conoscenze tecniche, scientifiche e didattiche.

Peace and Rock

FOLLOW ME

  • Facebook Classic
  • Instagram Social Icon
  • c-youtube

Guida Alpina     Marco Milanese       Via Blaceo 10 – 33047 Remanzacco (UD)        P.IVA 02725340307 – c.f. MLN MRC 87H15 H816O